Article ID: 1507, created on Feb 28, 2014, last review on May 11, 2014

  • Applies to:
  • Plesk for Linux/Unix

Riassunto

Tutti i domini hanno smesso di funzionare.

Nel tentativo di avviare il server web Apache, si ottiene il seguente errore nella console e in error_log:

"(98)Address already in use: make_sock: could not bind to address [::]:443 no listening sockets available, shutting down"

(È anche possibile che l'errore coinvolga la porta 80.)

Causa

Questo errore significa che qualche altro processo utilizza già la porta 443 (80) e Apache non riesce a stabilirne il collegamento.

Risoluzione

Innanzitutto, accertarsi che la direttiva "Listen" viene specificata unicamente nella configurazione Apache per una porta. Per verificarlo, controllare i file httpd.conf e conf.d/* (in alcuni sistemi operativi, SUsE  e /etc/apache2/* devono essere controllati).

 Successivamente, cercate di determinare quale processo utilizza la porta con il seguente comando:

/usr/sbin/lsof -i | grep http
httpd 24717 apache 4u IPv6 9672930 TCP *:https (LISTEN)


Il comando sopra mostra che la porta "TCP *:https " viene usata dal processo "httpd" con PID 24717.

Guardate il contenuto di questo file per trovare il comando con cui il processo era stato avviato:

cat /proc/24717/cmdline
/usr/sbin/httpd-kgraceful

(24717 è il PID del processo).
  • Se si tratta infatti del binario (httpd) Apache, allora tale problema potrebbe verificarsi se Apache non riuscisse ad eseguire lo stop correttamente. È necessario terminare il processo e avviare Apache nuovamente.
  • Se si rileva che un altro programma utilizza la porta 443/80, occorrerà trovare il punto da dove è stato avviato e determinare qual è, perché potrebbe trattarsi di uno script maligno. Ecco un esempio in cui tale script era nascosto:
# ls -l /proc/24717/exe
lrwxrwxrwx 1 apache apache 0 May 13 10:16 /proc/24717/exe -> /tmp/.www/httpd


Se trovate uno script maligno sul vostro server, è importante scoprire la sua origine. Purtroppo, l'argomento è molto ampio e non appartenente a questo articolo.

a914db3fdc7a53ddcfd1b2db8f5a1b9c 29d1e90fd304f01e6420fbe60f66f838 56797cefb1efc9130f7c48a7d1db0f0c

Email subscription for changes to this article
Save as PDF